Rarities - Arie per Tenore - Vol. 2

25,00 €
Compositore: Autori vari

Track List

Ed ancor la tremenda… Come uno spirto angelico
10:59
Base Orchestrale

Versione Cantata
Pillola: Roberto Devereux, conte di Essex e amante della regina Elisabetta, è condannato a morte per tradimento in battaglia: ama Sara, duchessa di Notthingham, che a sua volta è accusata ingiustamente di essere la sua amante, e prega a nché possa discolparla prima che venga eseguita la condanna a morte. Roberto chiede alla regina di essere graziato in virtù del loro passato amore: istruisce Sara a nché rechi alla regina un anello che Elisabetta aveva donato a Roberto quando erano amanti, ma il duca Nottingham, sospettando l’infedel- tà della moglie, accecato dall’odio le impedisce di raggiungere il palazzo e di consegnare l’anello alla regina. Roberto, in carcere, continua a sperare che Sara giunga in tempo ma le sue speranze crollano quando, invece di Sara, giungono le guardie che lo conducono al patibolo. Compositore: Gaetano DonizettiOpera: Roberto DeverreuxLibrettisti/Autori: Salvatore CammaranoNome Protagonista: RobertoCiel, che feci!
5:20
Base Orchestrale

Versione Cantata
Pillola: Riccardo è sopra atto dal rimorso per aver ucciso in duello Oberto, padre di Leonora, che lui stesso aveva sedotta sotto mentite spoglie e abbandonata dopo la promessa di danzamento. Dopo il duello Leonora, che per aver perseguito il suo sogno d’amore con Riccardo si sente responsabile della morte del padre, decide di ritirarsi in convento, mentre lo stesso Riccardo si condannerà all’esilio per aver tradito Leonora e per aver ucciso il vecchio conte di San Bonifacio. Compositore: Giuseppe VerdiOpera: Oberto Conte di San BonifacioLibrettisti/Autori: Temistocle SoleraNome Protagonista: RiccardoPietoso al lungo pianto
5:11
Base Orchestrale

Versione Cantata
Pillola: Nel regno di Kelbar si sta per celebrare un duplice matrimonio: Giulietta, glia del Barone di Kelbar deve sposare il Signor La Rocca, tesoriere di Bretagna, mentre la Marchesa del Poggio dovrà sposare il Conte Ivrea; presiede alle nozze Re Stanislao di Polonia, il quale in realtà è il Cavaliere di Bel ore, mandato in incognito dal vero Re Stanislao per fargli riottenere il trono. Il Cavalier di Bel ore è innamorato della Marchesa del Poggio. Anche Giulietta è innamorata corrisposta di un altro: Edoardo di Sanval, nipote del tesoriere. Dopo alterne vicende le coppie si riformeranno secondo i veri sentimenti di ciascuna. In quest’aria Edoardo intravede la speranza di poter nalmente riavere la sua Giulietta. Compositore: Giuseppe VerdiOpera: Un giorno di regnoLibrettisti/Autori: Temistocle SoleraNome Protagonista: EdoardoSotto il sol di Siria ardente
6:28
Base Orchestrale

Versione Cantata
Pillola: Il cavaliere Aroldo è accolto con grandi onori alla corte di Egberto, suo suocero, dopo il rientro dalla crociata in Palestina. L’unica a non festeggiare è Mina, moglie di Aroldo e glia di Egberto, perché ha tradito il ma- rito durante la sua assenza con Godvino, un ospite della corte. Alle domande di Aroldo sul suo turbamento, Mina non risponde ma scoppia in pianto. Allora Aroldo vede che non ha più l’anello nuziale al dito e gliene chiede il motivo, ma Mina, ancora, tace. Compositore: Giuseppe VerdiOpera: AroldoLibrettisti/Autori: Felice RomaniNome Protagonista: AroldoBro: la chiesetta triste
7:37
Base Orchestrale

Versione Cantata
Pillola: In Scandinavia, in epoca medioevale, il prete sconsacrato Giosta racconta come e perché è diventato alcoolizzato ed è stato bandito dalla società e abbandonato dall’amata Anna. Compositore: Riccardo ZandonaiOpera: I cavalieri di EkebùLibrettisti/Autori: Arturo RossatoNome Protagonista: GiostaParto alle sette dal villaggio
2:57
Base Orchestrale

Versione Cantata
Pillola: Fadinard, nel giorno delle sue nozze con la bella Elena, racconta al vecchio zio della sua danzata un curioso fatto occorso durante il tragitto per raggiungere il luogo della festa nuziale: mentre era a spasso col calesse, il suo cavallo ha mangiato il cappello di paglia di una signora che era a passeggio con l’amante, un militare borioso e aggressivo. Il militare si avventa su Fadinard ma questi riesce a scappare e giunge così alla festa. Saranno proprio la signora e il militare a presentarsi al cospetto di Fadinard poco dopo la ne del racconto per reclamare un cappello di paglia identico a quello mangiato dal cavallo. Fadinard acconsente e così si ingenera tutta una serie di eventi che scandiranno la “folle giornata” che solo alla ne culminerà col matri- monio di Fadinard con la danzata Elena. Compositore: Nino RotaOpera: Il cappello di paglia di FirenzeLibrettisti/Autori: Nino Rota, Ernesta RinaldiNome Protagonista: Fadinard
  +0,00 €